LE GRANDI FUGHE DEL MAGO HOUDINI

Tu sei qui

Spettacolo di escapologia e narrazione

" La mia mente è la chiave che mi renderà libero" (Harry Houdini).

Lo spettacolo non è altro che un tributo al più grande mago di tutti i tempi il famigerato Houdini, l'uomo che era in grado di ingannare la morte con sfide al limite del possibile, l'indiscusso escapologo per eccellenza.

Siamo in una ambientazione dei primi anni del secolo scorso, periodo di maggior successo per il grande mago, sul palco c'è un imbonitore che vuole ricordarlo e ci racconta della sua mirabolante vita, sfiderà il pubblico a liberarsi dalle manette che utilizzava Harry nei suoi spettacoli mettendo in palio 100 dollari! Si alza tra il pubblico quello che inizialmente ha tutta l'aria di essere un disturbatore qualsiasi, ma riuscendo questo nell'impresa verrà sottoposto dall' imbonitore a sfide sempre più ardue, ripercorreremo in questo modo le maggiori evasioni del grande mago, dalle manette alle catene, passando per la tristemente nota comicia di forza. Il ciarlatano cercherà di ingannarlo in tutti i modi, portando quindi tutto il pubblico, dai più piccoli ai più grandi, a fare letteralmente il tifo per il nostro nuovo escapologo.

Lo spettacolo è un movimentato alternarsi di gags, numeri di escapologia ed aneddoti sulla straordinaria vita di Harry Houdini.

Scheda Tecnica
Produzione: 
Mulino di Amleto Teatro/Combriccola dei Lillipuziani
Con: 
Matteo Giorgetti e Marco Mussoni
Regia: 
Beppe Chirico
Costumi: 
Colomba Ferraris
Audio/Luci: 
Emanuele Tumolo
Numero Attori: 
2 (+1 tecnico)
Durata spettacolo: 
60 minuti
Tempo Montaggio: 
90 Minuti
Tempo Smontaggio: 
60 Minuti
Spazio scenico: 
minimo indispensabile 3 X 2 m. E' preferibile eseguire lo spettacolo in ambienti teatrali, possibilmente con quadratura nera.
Discipline utilizzate: 
Narrazione, escapologia
Esigenze tecniche: 
Viene richiesto impianto di amplificazione adeguato allo spazio, o eventualmente su richiesta la compagnia può fornire il proprio. Possibilità di avere un faro di colore rosso più o meno al centro della scena, controllabile dalla postazione di regia. Scaletta per fare salire il pubblico su palco nel caso che il palco sia rialzato da terra. Camerino o stanza adibita a camerino dove potersi cambiare e lasciare oggetti personali.